La regione amazzonica ospita i maggiori stock di carbonio e biodiversità del pianeta, la sua importanza per l’equilibrio climatico globale è certamente innegabile. In un’estensione territoriale, 60 della foresta amazzonica è in Brasile, quindi è imperativo che siamo protagonisti di misure di mitigazione e conservazione di questa regione.

Tuttavia, la deforestazione è nuovamente aumentata dal 2014 e le politiche ambientali in Brasile attraversano un momento dubbio, che sembra dirigersi verso gravi battute d’arresto e preoccupando la comunità scientifica globale. Il nuovo governo ha sottolineato che il riscaldamento globale è una questione secondaria, ha messo in discussione gli impegni stabiliti nell’accordo di Parigi e il ritiro dell’organizzazione della Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici nel 2019, la COP-25.

Nonostante questo scenario discutibile, il governo brasiliano si è impegnato a ridurre le emissioni dei gas a effetto serra di 37 fino al 2025 e di 43 fino al 2030, rispetto ai livelli registrati nel 2005 nell’accordo di Parigi firmato durante la 21a Conferenza del della Convenzione quadro delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici nel dicembre 2015. Così, gli incendi boschivi divennero una questione importante per il governo brasiliano. Recentemente, durante il fortissimo evento di El Niño 2015-16, il numero di incendi boschivi è stato di circa 115.000. In questo periodo, soprattutto nella stagione secca, l’intera area metropolitana di Manaus era coperta di foschia, che influenzava la salute della popolazione, riducendo la visibilità e la chiusura degli aeroporti, come riportato dai giornali locali.

Pertanto, l’impatto degli incendi boschivi nella regione amazzonica sull’inquinamento atmosferico è stato un problema critico, in particolare nelle aree urbane. Lo scopo principale di questo progetto è quello di studiare l’impatto del cambiamento climatico sulla combustione della biomassa nella regione amazzonica e le sue implicazioni per la qualità dell’aria dell’area metropolitana di Manaus. Inoltre, i risultati saranno utili per allertare il governo brasiliano sugli effetti del cambiamento climatico e serviranno da base per informazioni che aiuteranno le politiche pubbliche per la gestione della qualità dell’aria volte a prevenire, combattere e ridurre gli inquinanti emissioni dalla nostra più grande fonte di emissioni in Brasile.

“Questa ricerca mostrerà un’istantanea dell’impatto degli incendi dell’Amazzonia sulla qualità dell’aria di Manaus e sui rischi della loro popolazione se gli incendi antropogenici e gli intensi eventi di siccità riguardanti il cambiamento climatico continuano ad aumentare.”

– Igor O. Ribeiro, PhD (PREMIO IPCC PostDoc e Principal Investigator)

Progetti Correlati

Nessun risultato

La pagina richiesta non è stata trovata. Affina la tua ricerca, o utilizza la barra di navigazione qui sopra per trovare il post.

Storie Correlate

Share This